Importanti avanzamenti in medicina legale. Studio del prof. Fattorini sul riconoscimento di resti nelle foibe slovene

0
6

Su incarico del Governo Sloveno, attraverso un’indagine che è durata dal 2005 al 2009, la Commission on Concealed Mass Graves (Commissione sulle fosse comuni segrete) ha censito in Slovenia 581 fosse comuni contenenti i resti di circa 100.000 persone giustiziate sommariamente nel corso della II Guerra Mondiale, o al termine di essa. Inoltre, con il supporto finanziario della Slovenian Research Agency, a partire dal 2007 è iniziata anche l’opera di identificazione di tali resti. A questo scopo, viene eseguita l’analisi del DNA ricavabile dai resti scheletrici, DNA che viene poi confrontato con quello di consanguinei (figli, nipoti, etc.) delle persone scomparse all’epoca.

L’articolo completo su www.units.it